FANDOM


Panchina Distrutta.jpg

I parchi pubblici sono sempre piu spesso bersagli di atti vandalici che vanno a danneggiare il decoro e le funzionalità dello stesso


Il Vandalismo non è certo nato ieri ma è innegabile evidenziare quanto negli ultimi anni questo fenomeno di "Espressione di rabbia irrazionale" sia aumentato e che a farne le spese sia spesso il tessuto urbano;ad oggi quasi si rimpiangono i tempi addietro in cui il movimento dei writers "colorava" la città con i suoi messaggi di protesta,ricordo di quello che oggi è solo ricerca di un'identità o ,peggio," dell'euforica distruzione di tutto cio che non è nostro". Vivendo la città ci si accorge che ,mentre il bisogno di "imbrattare i muri" si sfoga sui palazzi e sul fabbricato in generale,il parco pubblico viene percepito come un vero e proprio campo di svago per il vandalo. Ormai non basta nemmeno più siglare il proprio nome,nel parco l'arredo urbano diventa un gioco da distruggere,da fare a pezzi,il suolo si inventa discarica a cielo aperto, il verde si brucia. Le cause di quest'accanimento si possono trovare nell'estensione di questi parchi che spesso permettono di agire indisturbati,ma molto probabilmente il motivo principale è la quasi totale mancanza di sorveglianza all'interno di essi che li rendono ,si un oasi di tranquillità all'inteno della città ma anche di illegalità (spesso i parchi sono sede di atti molto piu gravi di quelli vandalici).La distuzione delle sedute o dei cestini portarifiuti da parte di ragazzi "bulli" favorisce l'abbassamento del confort in un parco o giardino,perchè rompere lo schienale di una panchina se poi non possiamo più utilizzarla per sederci? perchè rompere i cestini se poi i rifiuti vengono gettati a terra e non negli appositi contenitori, favorendo l'inquinamento? questi e molti altri quesiti ci aiutano a capire com'è "scomodo"trovarsi di fronte ad atti vandalici privi di senso o di uno scopo.In generale il vandalismo non è positivo in nessuna occasione ma in una struttura pubblica potrebbe essere limitato.


La chiave del problema è rappresentata dall'aumento della sorveglianza all'interno dei parchi da parte della polizia municipale o ,meglio ancora,dall'istituzione di un apposito corpo di viglilanza per l'integrità di quest'ultimi.Per quanto riguarda invece il degrado procurato dai Writers, il parco pubblico sembra il posto ideale per accogliere le espressioni più artistiche di questo movimento,legalizzandolo e qualificandolo.


Writer, Arte della strada o vandalismo, Abusivismo



Iniziative a Roma per un nuovo servizio di vigilanza nei parchiModifica

VI MunicipioModifica

Guardie ecologiche.jpg

Presentato il progetto “Guardie Ecologiche”, un nuovo servizio dedicato alla vigilanza e alla tutela delle aree verdi del quartiere che, in accordo con la commissione ambiente del Comune, è ad oggi già attivo nel VI Municipio per contrastare la crescente condizione di degrado che affligge i piccoli ma numerosi parchi della zona. Il servizio prevede la vigilanza contro il vandalismo e il degrado dei parchi pubblici, affidata all’organizzazione di volontariato Angev (Associazione nazionale guardie ecologiche volontarie).

“Negli ultimi anni - afferma il presidente della Comissione Ambiente Massimiliano Valeriani - l’amministrazione ha incrementato sensibilmente la presenza di aree verdi sul suolo capitolino. Ora occorre assicurarne la piena fruibilità, scongiurando situazioni di pericolo o episodi di degrado. Gli strumenti che abbiamo attualmente a disposizione non bastano. C’è dunque bisogno di sperimentare e mettere in campo nuove proposte, stimolando la partecipazione di quanti vogliano offrire il proprio contributo e sensibilizzando la cittadinanza su un tema come questo, che connette salute, sicurezza e rispetto per l’ambiente. Per una sperimentazione come quella avviata nel VI Municipio bastano meno di 10mila euro l’anno. Il servizio sarà completamente gratuito e in questi primi mesi di sperimentazione ha già raccolto consensi tra la cittadinanza. A volte - conclude Valeriani - quello che un lavoro culturale non riesce a generare, lo fa una divisa, e la presenza attiva dei volontari all’interno dei parchi servirà a scoraggiare ogni tentativo di abuso verso cose o persone e ad infondere fra le utenze sicurezza e responsabilità nei confronti di questi luoghi

Anonimo. Comune di Roma-Ambiente: Nel VI Municipio arrivano le "Guardie Ecologiche”.Roma:pignetoprenestinoxilpd.(Modificato il 16 gennaio 2008,consultato il 24 maggio 2009).(1 schermata).Disponibile all'indirizzo http://pignetoprenestinoxilpd.ilcannocchiale.it/2008/01/16/comune_di_romaambiente_nel_vi.html


IX MunicipioModifica

Guardie a cavallo.jpg

Ancora un passo verso la sicurezza. Grazie ad un protocollo d’intesa firmato ieri in Campidoglio tra l'Assessorato all'ambiente e il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, gli agenti della polizia penitenziaria del reparto specializzato a cavallo coadiuveranno l'amministrazione comunale nel presidio delle aree verdi della Capitale svolgendo attività di controllo del territorio come prevenzione per la sicurezza. Dal 9 di marzo si comincia nel parco della Caffarella e in quello degli Acquedotti; per l'estate si parte anche a Castelfusano. Il servizio, ha spiegato l'assessore De Lillo, "a costo zero per la comunità" vedrà impiegati, inizialmente nei tre parchi, i 10 cavalli e i 15 cavalieri del reparto speciale della polizia penitenziaria. Sarà "una presenza discreta e istituzionale compatibile con le aree frequentate dai cittadini". Un metodo di vigilanza che, nelle intenzioni dell'amministrazione comunale, si adotterà su tutto il territorio di Roma compatibilmente con la disponibilità dei reparti a cavallo delle forze dell'ordine. Il reparto a cavallo della penitenziaria sarà di stanza presso l'ippodromo delle Capannelle dove la Ippo Group Roma Capannelle, titolare della gestione dell'ippodromo, ha messo a disposizione gratuitamente dei box per ospitare gli animali. Il protocollo firmato in campidoglio avrà durata biennale. Il servizio di vigilanza sarà assicurato durante l'orario di apertura dei parchi nei vari periodi dell'anno.

Redazione Preview. Sicurezza: nei parchi di Roma arrivano gli agenti della penitenziaria a cavallo.Roma:FreePressItalia. Reg.,2009.(Modificato il 4 marzo 2009,consultato il 23 giugno 2009),(1 schermata).Disponibile all'indirizzo http://www.previewonline.info/index.php?id=3120




Misure di Sicurezza contro il vandalismo in ItaliaModifica

SalernoModifica

Vandalismi e altri reati si susseguono nelle aree verdi e la gente da tempo chiede maggiori controlli Le reazioni a caldo sono state dei giudizi positivi verso la decisione presa dal Comune. Unanime il desiderio di un maggiore controllo e di una maggiore presenza da parte delle forze dell’ordine sul territorio, a tutela dei cittadini. Sia nelle zone più decentrate che in quelle situate in pieno centro. Questa la risposta dei salernitani all’ennesimo giro di vite dell’amministrazione comunale contro vandalismo e microcriminalità. Lo avevamo annunciato ieri pubblicando la decisione del comune capoluogo di ricorrere ad una gara d’appalto per l’installazione di un sistema di videosorveglianza in alcuni punti verdi della città. Per ora le zone interessate dal provvedimento sono le ville comunali di via Roma e Fratte ed il parco del Mercatello. Ventisette telecamere registreranno continuamente l’ingresso dei visitatori, memorizzandone i comportamenti per quindici giorni. Consentendo, in questo modo, la rapida individuazione di chi deturpa il bene pubblico e resta spesso impunito. Probabilmente gli episodi di vandalismo ed aggressione hanno spinto il Comune nella direzione del maggiore controllo. Abbiamo visitato le tre realtà cittadine interessate da questa svolta, per ascoltare le voci di chi vi opera quotidianamente e degli utenti che vi si ritrovano.

Assunta Coccaro. I cittadini sono a favore delle telecamere nei parchi.Roma:La Città di Salerno,Gruppo Editoriale L'Espresso Spa.(Modificato il 13 febbraio 2009,consultato il 24 maggio 2009).(1 schermata).Disponibile all'indirizzo http://lacittadisalerno.gelocal.it/dettaglio/i-cittadini-sono-a-favore-delle-telecamere-nei-parchi/1589983

NovaraModifica

La decisione del sindaco leghista di Novara, Massimo Giordano, nell’ambito di una maggior sicurezza per gli abitanti ha suscitato un vero e proprio vespaio. Il sindaco Giordano infatti ha deciso di vietare durante le ore notturne gli assembramenti di persone nei parchi pubblici.La decisione è stata presa per evitare schiamazzi notturni di persone che di notte bivaccano nei parchi pubblici della città, non per motivi di atti vandalici, essendo Novara una cittadina abbastanza tranquilla. L’ordinanza non ha però trovato il favore dell’opposizione che protesta “sembra di essere tornati nel ventennio Fascista“. Più nello specifico l’ordinanza del sindaco leghista vieta lo stazionamento a più di tre persone nei parchi nelle ore notturne, non vieta la deambulazione, nell’ambito del programma della Lega Nord sulla sicurezza nelle città.

Anonimo. Novara:Vietato fermarsi in gruppi nei parchi pubblici.Milano:Tutto Gratis Italia S.p.A 2005.(Modificato sabato 2 agosto 2008,consultato il 23 giugno 2009),(1 schermata).Disponibile all'indirizzo http://www.haisentito.it/articolo/novara-vietato-fermarsi-in-gruppi-nei-parchi-pubblici/11411/


NiscemiModifica

C'era anche il primo cittadino Giovanni Di Martino tra i volontari che con scope e rastrelli hanno ripulito le aree a verde di Niscemi. Il sindaco in prima fila, insieme ai giovani della Caritas di Modena per pulire i cinque parchi di Niscemi da tempo vandalizzati dagli stessi cittadini che da oggi avranno la responsabilità di gestire gli stessi parchi.

Si chiama “Adotta in parco” l'iniziativa voluta dal sindaco di Niscemi Giovanni Di Martino da diversi giorni impegnato in prima persona nella pulitura dei parchi cittadini, iniziativa sostenuta dall'associazione Libera di don Luigi Ciotti. Il progetto sarà presentato oggi alle 10,30 presso il parco “Vittime delle Foibe” in viale Mario Gori. La manifestazione poi continuerà alle 11 con la presentazione dei progetti da parte delle associazioni che hanno aderito all'iniziativa e si concluderà alle 17 con l'animazione prevista per i bambini che, insieme ai bambini ed ai genitori dei quartieri interessati, gestiranno le strutture a verde.

Sono cinque le organizzazioni coinvolte: Arci-Liberamente, Aquilone, Chiesa Avventista, Cngei e Agesci che in questi mesi hanno seguito un corso di formazione tenuto dai responsabili di Libera, e lanciato dal Comune di Niscemi. L'interessante iniziativa ha lo scopo di sensibilizzare l'opinione pubblica locale sui benefici che si possono ottenere salvaguardando i beni comunali, cioè di tutti. Diverse le zone dei parchi e i progetti previsti dalle diverse associazioni adattati al contesto socio culturale: la costituzione di comitati di quartiere, serate di liscio, mercatini dell'usato a cadenza mensile , incontri periodici con gli scolari delle classe primarie, attività di animazione per abitanti del quartiere e bambini, attività sportive, tavolata di quartiere per rivalorizzare usi e costumi della città, ma ancora, incontri, seminari e festival musicali.

"Il progetto che abbiamo lanciato - commenta il sindaco Giovanni Di Martino - ha come obiettivo finale il principio di promozione della responsabilità sociale. Sensibilizzare al rispetto dell'ambiente naturale, della conservazione delle strutture e soprattutto rendere protagonisti i giovani e le proprie famiglie che spesso vivono con distacco il quartiere e con distacco i valori comuni. La nostra città quest'anno è stata sconvolta da vicende sconcertanti che ci hanno portato a riflettere sul ruolo dei giovani, e a capire che è necessario stimolare rapporti positivi, di non violenza e di riconsiderare lo spazio pubblico come la propria casa. Come amministrazione faremo di tutto per incentivare i nostri ragazzi alla partecipazione della cosa pubblica e contro ogni forma di vandalismo".

Redazione La Sicilia. Aree verdi affidate ai cittadini: a Niscemi iniziativa del Sindaco Di Martino che ha preso parte alla pulizia dei parchi.Caltanissetta:Domenico Sanfilippo editore spa.(Modificato l'11 luglio 2008,consultato il 16 giugno 2009).(1 schermata).Disponibile all'indirizzo http://www.niscemesi.splinder.com/archive/2008-07


SolaroModifica

Sicurezza nel parco delle Groane Colonnine Sos contro i vandali Più sicurezza grazie alle nuove colonnine gialle per l' Sos antivandali. E' un esperimento voluto dal Parco delle Groane e finanziato con 175 milioni dalla Provincia di Milano, per ottenere un maggiore controllo del territorio. Entro fine maggio saranno installate nel parco tre colonnine attrezzate con telecamera flash (ripresa 24 ore su 24), pulsante per il soccorso, e telefono viva voce con allarme automatico.

Redazione Corriere della Sera. Sicurezza nel parco delle Groane Colonnine Sos contro i vandali.Milano:RCS Quotidiani Spa 2009.(Modificato l'11 aprile 2001,consultato il 23 giugno 2009).(1 schermata).Disponibile all'indirizzo http://archiviostorico.corriere.it/2001/aprile/11/Sicurezza_nel_parco_delle_Groane_co_2_010411570.shtml



Atti Vandalici al Parco Virgliliano - NapoliModifica

Servizio a cura di Luigi Falco Un Emittente locale di Napoli,NTV(Napoli TV)denuncia con un video gli atti vandalici al Parco Virgigliano,evidenzia gli effetti,i danneggiamenti e raccoglie testimonianze dei cittadini.


http://video.libero.it/app/play?id=200ae8ddebdf181b5ce98ef2a92c6529


Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale