FANDOM


Basilica di massenzio.jpg
Situazione percorsi.jpg



SINTESI DEL PROBLEMA:

Molto spesso accade che all'interno dei parchi urbani vengano ospitati monumenti storico-archeologici di rilievo, i quali risutano però poco valorizzati a causa della scarsa manutenzione e dal fatto che il patrimonio in questione non viene sufficientemente pubblicizzato, risultando percò sconosciuto ai più.



ENUNCIAZIONE SISTEMATICA DEL PROBLEMA:

Il Parco della Caffarella (che fa parte del più ampio comprensorio del Parco Regionale dell’Appia Antica)è un esempio lampante di questo problema; esso, infatti, ospita al suo interno numerosi monumenti storico archeologici, poichè nel corso dei secoli vi si sono sviluppati vari insediamenti di diverso tipo, in particolar modo lungo due linee matrici diverse, ma entrambe di rilievo, quali: la Via Appia Antica e il Fiume Almone. Le emergenze di maggiore spicco sono:Basilica e Catacombe di S. Sebastiano, Casale della Vaccareccia,Catacombe di S. Callisto,CaveE,Circo di Massenzio e Tomba di Romolo,Colombario cosantiniano,Fosse ardeatine,MAusoleo di Cecilia Metella,Ninfeo di Egeria,Porta di S. Sebastiano,Quo vadis?,S. Urbano, Tomba di Anna Regilla,Tomba di Geta, Tomba eCasale di Priscilla, Torre del ponte. Tutti questi monumenti rappresentano un patrimonio culturale molto importante che potrebbe apportare un notevole innalzamento del valore dell’area in senso stretto, nonché di tutto il Municipio di pertinenza. Infatti la prima ipotesi di realizzazione di un parco archeologico nel comprensorio dell'Appia Antica, alle cui vicende urbanistiche è strettamente legata la storia della valle della Caffarella, risale agli inizi dell'800 e venne attuata con l'esproprio di una fascia lungo la via Appia e la sistemazione della passeggiata archeologica ad opera del Canina. Il Piano Regolatore del 1965, a seguito delle accese battaglie condotte da Italia Nostra e dall'I.N.U. (che si opponevano all'edificazione massiccia prevista dal Piano Paesistico nel 1960), vincolò a parco pubblico l'intero comprensorio riconoscendo la vocazione naturale di questa eccezionale porzione dell'Agro Romano. Con la Legge Regionale n.66 del 10.11.88, viene istituito il Parco Regionale Suburbano dell'Appia Antica e viene affidata la sua realizzazione e gestione ad un'azienda consortile costituita nel 1992. Dopo numerose vicissitudini, dovute a problemi relativi all’esproprio dei terreni, dal 1998-99 (inizio dei lavori per il Giubileo del 2000), si è data un’organizzazione generale dell’area con la creazione di percorsi atti a collegare i vari siti monumentale-archeologici presenti nel parco. Infatti oggi si possono individuare vari percorsi strategicamente pensati e tesi a creare una passeggiata volta a combinare l’aspetto storico-culturale con quello naturalistico (altrettanto importante poiché il parco della Caffarella si inserisce nella rete ecologica di Roma). Dunque, il problema non sta tanto nell’assenza di percorsi, ma nella manutenzione di quelli presenti, poiché l’impressione di chi si addentra nella’area del parco è che ci si trovi in un luogo abbandonato, sporco, privo di una sistemazione logica e talvolta pericoloso (da notare anche la totale assenza di illuminazione, quantomeno nelle aree più adiacenti all’edificato). Lo stesso vale per quanto riguarda gli accessi, che risultano inadeguati per un’area così ampia e importante. Un ulteriore problema sta nella scarsa valorizzazione del parco e delle sue risorse nei confronti di una potenziale utenza molto ampia. Infatti pochi, rispetto a quelli che potrebbero esserci, considerano questo parco come una meta interessante, soprattutto dopo gli ultimi tragici eventi. Ma sta proprio qui il punto della questione: vengono propagandati solo gli elementi negativi dell’area come la scarsa sicurezza e il degrado, e al contrario non vengono esaltati i molti aspetti di pregio che il parco stesso offre.




'''SOLUZIONE:

Le soluzioni sono essenzialmente 3:

- Ripristinare ed eventualmente integrare i percorsi esistenti (se pensati in modo logico)e arricchire l’area di idonee aree di sosta, per poter godere della vista dei monumenti in modo piacevole;

- Valorizzare il parco da un punto di vista mediatico (ad esempio organizzando delle giornate di visita dei siti archeologici monumentali, ecc.).

- Potenziare la presenza di una segnaletica efficace: cartelli, mappe dell'aintera area, fornire pannelli descrittivi di ciascun monumento'


COLLEGAMENTI AD ALTRI PATTERN:

- Rete ecologica

- Sicurezza nei parchi

- Illuminazione




Breve descrizione dei principali monumenti presenti nell'area, in modo da rendersi conto dell'importanza che bisogna dare a questo intervento, dato il loro grande valore:

1. BASILICA E CATACOMBE DI S. SEBASTIANO. Basilica risalente agli inizi del IV secolo. Dopo il IX secolo fu dedicata al martire sepolto nelle adiacenti catacombe, alle quali si accede dalla chiesa.

2. CASALE DELLA VACCARECCIA. Costruito nel 1547 dai Caffarelli, allora proprietari della valle, inglobando una torre medievale. Assunse la conformazione definitiva quando nel 1816 la proprietà passò ai Torlonia. Il casale è tuttora attivo.

3. CATACOMBE DI S. CALLISTO. Iniziate dopo la metà del III secolo sono state le prime ad essere state così denominate (dal greco Katà Kymbas) e le uniche ad essere state sempre frequentate. Tra le più importanti ed imponenti delle circa sessanta catacombe cristiane di Roma. Ebbero origine verso la metà del sec.II, da un'area funeraria forse appartenente alla nobile famiglia dei Cecili e, agli inizi del terzo secolo, passarono direttamente alle dipendenze della Chiesa di Roma. Papa Callisto ingrandì il complesso funerario che da lui prese il nome e che divenne il cimitero ufficiale della Chiesa di Roma.

4. CAVE. Cave sotterranee di tufo e pozzolana di epoca romana riutilizzate anche nell’800.

5. CIRCO DI MASSENZIO E TOMBA DI ROMOLO. Il complesso racchiude i ruderi della residenza imperiale di Massenzio. La tomba del figlio Romolo (qui sepolto nel 309 d.C.) fu trasformata in casale agricolo dai Torlonia nel '700. In secondo piano il Circo, al di là del quale sorgeva il Palazzo imperiale.

6. COLOMBARIO COSTANTINIANO. Tomba del II sec. d.C..

7. FOSSE ARDEATINE. Luogo ove il 23 marzo 1944 ebbe luogo l’eccidio delle fosse Ardeatine. Originariamente si presentava come una delle tante cave di tufo e pozzolana della zona, ma dopo la guerra è stato trasformato in sacrario.

8. MAUSOLEO DI CECILIA METELLA. Sepoltura della figlia di Q. Cecilio Metello Cretico, moglie di Marco Crasso, eretta nel 50 a.C.. Venne modificata nel XI secolo e trasformata in torre inserita dai Conti del Tuscolo nel quadrilatero fortificato che chiudeva la via Appia Antica. In seguito divenne il mastioangolare del Castello dei Caetani.

9. NINFEO DI EGERIA. Grotta artificiale del II sec. d.C. probabilmente facente parte del Triopio di Erode Attico come piacevole luogo di riposo estivo: infatti esso fu costruito in prossimità di una sorgente di acque acidule-oligominerali. Erroneamente intitolato ad Egeria nel ‘700, divenne un’osteria nell’800.

10. PORTA DI S. SEBASTIANO. Monumentale punto di accesso alla città. Dietro la porta si trova l'arco dell'acquedotto che riforniva le Terme di Caracalla.

11. QUO VADIS?. Nome con cui è nota la chiesa S.Maria in Palmis, fatta costruire nel 1620 da Clemente VIII e rielaborata nel 1637 dal Cardinal Barberini. Deve il suo nome alla leggenda secondo cui S.Pietro, fuggendo da Roma, vi incontrò Cristo che lasciò le sue impronte su una roccia.

12. S. URBANO. Tempio di Cerere e Faustina del II sec. d.C. fatto edificare da Erode Attico in prossimità della sua villa. Pressoché intatto perché trasformato in luogo di culto cristiano già nel VI sec. e dedicato S. Urbano. L’interno presenta affreschi del XI sec.

13. TOMBA DI ANNIA REGILLA. Sepolcro a tempietto del II sec.d.C., dedicato da Erode Attico alla moglie Annia. Ben conservato perché usato in passato come fienile.

14. TOMBA DI GETA. Sepolcro di età imperiale attribuito a Geta, fratello di Caracalla. Nel Medioevo fu usato come posto di vedetta. Nel ‘700 venne costruito il piccolo casale sulla sommità.

15. TOMBA E CASALE DI PRISCILLA. Tomba cilindrica (sormontata da una piccola torre tronca di età medievale) attribuita a Priscilla, moglie di un potente liberto dell'imperatore Domiziano.

16. TORRE DEL PONTE. Realizzata nel XII-XIII sec., questa torre doveva difendere il ponte in muratura che, scavalcando l’Almone, collegava la via Appia Antica con la via Latina.


La riqualificazione di Benevento. Un interessante esempio di valorizzazione di monumenti storico archeologigici all'interno di un contesto allo stesso tempo urbano e naturalistico è quello del progetto per la riqualificazione di Benevento, il cui centro storico ha delle enormi potenzialità architettoniche, ambientali e paesaggistiche. Posizionato tra due fiumi su di un leggero promontorio che degrada verso valle, è attraversato dalla via Appia sul quale insistono la maggior parte dei monumenti religiosi. La strategia di progetto parte dalla rilettura dei principi insediativi degli elementi che strutturano il centro storico: da sempre tali principi hanno consolidato il carattere di asse fondativo della via Appia dove si sono posizionati tutti gli edifici di valore simbolico e rappresentativo della città. Il progetto intende dunque creare un parco archeologico/naturalistico diffuso nella città, un parco urbano formato da aree archeologiche, giardini, volumi nuovi, aree attrezzate, monumenti, piazze, percorsi pedonali alberati, ecc. Elemento unificante dei punti strategici, oltre all'idea di parco diffuso, è una struttura di percorsi pedonali, tramite il quale proporre nuove relazioni tra le aree di progetto con l’intorno.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale