FANDOM


La mancanza di illuminazione può diventare
Facciata.jpg
un ostacolo invalicabile perchè non invoglia la persona ad entrare in un' area percorribile, tutto ciò porta a rendere la zona presa in considerazione fonte di pericolo e maturazione di atti criminali. Inoltre meno pericoloso, ma non meno importante, non essendovi dei veri e propri percorsi, camminare nel buio su un terreno che non si conosce potrebbe esser causa di cadute o storte.

L'illuminazione urbana ha non solo il compito di favorire la circolazione delle persone, riducendo tra l'altro il rischio reale e la paura indotta dalla carenza di luce, ma anche quello di sottolineare ed influenzare le reazioni emotive nella scena urbana notturna. L'illuminazione delle aree verdi si differenzia perchè deve essere finalizzata, da una parte, a prolungare l'uso ed il godimento degli spazi, estendendone la fruibilità alle ore notturne, dall'altra a stimolare "emozioni", attraverso soluzoni scenografiche. Il progetto illuminotecnico, stabilita la gerarchia di valori degli oggetti da illuminare e il tipo di sorgenti da utilizzare, deve considerare che il mondo vegetale vive in un continuo stato di cambiamento dovuto al mutare delle stagioni. Perciò è opportuno che l'intero impianto sia organizzato in modo da permettere aggiustamenti, cambiamenti, parzializzazioni. E' altresì importante assumere una serie di precauzioni poichè la luce artificiale produce degli effetti collaterali sulla vita e lo sviluppo della vegetazione.

Illuminazione.jpg

Le soluzioni attuali sono improprie, bisognerebbe aggiornarle utilizzando nuove tecnologie che tengano conto delle esigenze notturne di piante e animali, che sfruttino le risorse naturali e che consumino poco.

inquinamento luminoso,Sicurezza nei parchi,Sicurezza ed infrastrutture


Funzione dell'illuminazioneModifica

L'impianto di illuminazione installato nell'area prestabilita svolge tre funzioni principali:
Partenone.jpg

1)Sicurezza per rendere nitide tutte le zone dell'ambiente ed anche le più nascoste,

2)Servizio per rendere più piacevoli le passeggiate estive, autunnali e primaverili,

3)Scenografica, per valorizzare l'estetica del prato, delle piante, degli elementi architettonici, quindi dare importanza a qualcosa facendolo risaltare nel buio.

Tutte e tre però devono avere un compromesso basato su determinati criteri: la luce non deve mai essere eccessiva, perché illuminare tutto nell'identico modo annulla la profondità e rende piatto alla vista l'ambiente. E' importante quindi avere un'alternanza di luci e di ombre. Bisogna evitare l'abbagliamento dell' osservatore quindi le luci vanno nascoste alla vista e non orientate verso chi osserva. Fondamentale è l' uso di luci della stessa natura e della stessa potenza, per non dare luogo a risultati cromatici diversi e sgradevoli. E' vietato dalla legge orientare i fasci di luce verso il cielo, per combattere il fenomeno dell'inquinamento luminoso.


Tipologie di illuminazione.Modifica

Apparecchi di illuminazioneModifica

Gli apparecchi di illuminazione contengono le sorgenti luminose e proteggono dagli agenti atmosferici e dalla polvere il complesso illuminante, che generalmente è composto da : -lampada, portalampada, morsettiera; -gruppo ottico; -alimentatore, accenditore, trasformatore; Gli apparecchi di illuminazione diffondono e/ o dirigono il flusso delle sorgenti luminose, modificandolo mediante il gruppo ottico, generalmente costituito da varie superfici riflettenti e da lenti prismatizzate.

La classificazione degli apparecchi di illuminazioneModifica

In relazione alla distribuzione del flusso emesso dalle sorgenti luminose, gli apparecchi di illuminazione possono essere classificati nel seguente modo : - riflettori e proiettori : riflettono e dirigono la luce per mezzo di superfici speculari; - rifrattori : costituiti da coppe e globi in vetro, policarbonato o materiale acrilico prismatizzato ; dirigono la luce in direzioni prestabilite; - diffusori : formati da involucri opalini atti a diminuire la luminanza, riducono il rendimento luminoso;

L'Apparecchio come arredo e sculturaModifica

Ogni progetto di illuminazione dovrebbe rispettare ed esaltare le caratteristiche e la conformazione di ogni situazione paesaggistica delle aree verdi. Proprio per questo motivo il design degli apparecchi impiegati si dovrà confrontare e legare al contesto paesaggistico in maniera flessibile e dinamica, dando risalto alle caratteristiche del luogo e alle sue necessità strutturali. Ci saranno contesti nei quali sarà necessario impiegare oggetti dal design forte e deciso, che influiranno sull'effetto coreografico del luogo. In questo caso il prodotto illuminante sarà protagonista della scena e non semplice spettatore, fornendo illuminazione adeguata e decoro accentuando i caratteri propri del luogo.

Dove invece il rispetto del contesto risulterà inviolabile ed inalterabile sarà necessario l'impiego di forme che scompaiono e si integrano con la natura stessa e gli elementi che compongono l'ambiente. Alcuni giardini e parchi pubblici godono di una spiccata personalità, data dal progetto delle aree verdi o dalla storicità propria del luogo. In questi casi la semplicità delle forme e la presenza assenza del prodotto risulterà essenziale per il rispetto della bellezza naturale del luogo. Come un rumore di sottofondo che esalti l'armonia e non distolga dalla melodia.

Risparmio energetico con l'illuminazioneModifica

E’ bello rimarcare che vi sono esempi di lungimiranza e spirito di iniziativa verso una delle tematiche al centro del dibattito globale e sono esempi di progetti che andando al di là delle solite “trappole” burocratiche tipiche delle amministrazioni pubbliche, hanno già prodotto ottimi risultati e lasciano intravvedere grandi potenzialità per il futuro. A legare idealmente il risparmio con l'illuminazione è la recente tecnologia a led (dall’inglese Light Emitting Diode, cioè diodo a emissione luminosa), che pur essendo nata verso la metà degli anni sessanta solo in quelsti ultimi tre anni ha conosciuto un nuovo sviluppo e nuovo slancio nella ricerca di significativi miglioramenti. Il dipartimento dell’energia degli Stati Uniti d’America stima che sostituendo,negli U.S.A., nei prossimi 20 anni l’attuale illuminazione stradale e urbana con sistemi a LED si possa, diminuire il consumo di energia elettrica del 62%, ridurre le emissioni inquinanti di 250 milioni di tonnellate di anidride carbonica e evitare la costruzione di 153 nuove centrali elettriche. Legambiente, ha sottolineato l’importanza di un progetto integrato in grado di generare energia elettrica da fonti rinnovabili e utilizzarla per un sistema di illuminazione (quello a lampade a led) assai più efficiente dei tradizionali lampioni che utilizzano lampade al sodio (attualmente le più utilizzate) o a fluorescenza. I led emettono luce bianca fredda di tipo direzionale con una temperatura di colore prossima ai 6000K quindi con emissione spettrale prevalente nella banda del blu e permettono di ottenere una illuminazione sicura con un minor consumo energetico rispetto alle convenzionali lampade a sodio che producono luce di tonalità gialla omnidirezionale (recuperata a mezzo di parabole riflettenti), pertanto si può affermare che con la tecnologia led si possa ridurre la potenza luminosa del 50% pur garantendo una visione sicura rispetto alle attuali lampade a sodio ad alta pressione. inoltre proprio per le particolarità del tipo di luce emessa, aumenta la qualità di visione in caso di nebbie e foschia e anche la qualità delle immagini catturate dalle telecamere di sicurezza. A differenza delle normali lampade, il led è privo di filamento interno. Ciò consente un'affidabilità ed una durata maggiori di quelli delle normali lampadine a filamento, secondo le attuali ricerche stimabile in 50.000-100.000 ore contro le 4.000-5.000 ore delle lampade al sodio ad alta pressione. Per la produzione dei led non vengono utilizzati matalli pesanti riducendo quindi l’impatto ambientale legato alla produzione e al futuro smaltimento. Inoltre, queste particolari sorgenti luminose non richiedono circuiti di alimentazione complessi, garantendo così ridottissimi costi di manutenzione e una grandissima efficienza elettrica. Con questo tipo di tecnologia, il riscaldamento degli oggetti illuminati è minimo, la resistenza agli urti è elevata, l'accensione è istantanea ed è possibile anche a basse temperature (-40°). Inoltre, l'alimentazione a bassa tensione garantisce una totale sicurezza.

Bovisa 20-large.jpg

I vantaggi dell'illuminazioneModifica

La luce permette anche di cambiare l'aspetto del giardino o della facciata di una abitazione e di un palazzo durante la notte, trasformandoli in ambienti ricchi di fascino e dal grande impatto visivo Lampade da esterno per giardino a led montate su staffe possono essere impiegate per creare effetti scenografici sulle pareti. L'uso della luce dinamica o statica permette di esaltare gli spazi e le strutture architettoniche, di generare giochi di luce e chiaro scuri. I faretti a led diffondono una luce mirata. Non producono, perciò un fascio, di luce ampio e diffuso, ma una illuminazione precisa e concentrata, permettendo di ridurre l'inquinamento luminoso.

L'illuminazione esterna dona un nuovo, sorprendente aspetto anche a parchi, piazze, fontane o giardini estivi dei locali notturni. Le luci a led possono dipingere di colore piante, prati, alberi con un effetto sorprendente. Inoltre i faretti da esterno a led non sono lampade ad incandescenza: non scaldano, non mettono raggi infrarossi. La loro luce non attira zanzare e altri fastidiosi insetti. Durante tutta la notte permettono di vivere all'aperto senza il rischio di fastidiose punture. Non stupisce, quindi, che nella progettazione dei giardini, oltre alla disposizione delle piante e degli elementi ornamentali e alla scelta dell'arredo da esterni, sempre più l'illuminazione sia un fattore chiave per il successo nella decorazione di un ambiente da vivere non solo di giorno, ma anche di notte. Tutti i prodotti da giardino di Linea Light sono studiati per una applicazione in esterno. Perciò sono testati per resistere all'umidità, alla pioggia e alla corrosione degli agenti esterni con IP 67. I faretti carrabili o calpestabili possono essere toccati o calpestati serenamente. Le lampade a led, inoltre, hanno una lunga durata e possono essere interrate per illuminare il giardino o il viale, con la tranquillità di non dover ricorrere a frequenti interventi di manutenzione.

Illuminazione scenograficaModifica

L'acqua attraverso la luce

La bellezza paesaggistica del centro storico bagnato dal Livenza ha convinto l’ amministrazione comunale di Sacile (PN) ad accompagnare all’ illuminazione pubblica funzionale esistente un progetto di illuminazione notturna dal carattere fortemente scenografico. La base di partenza per lo sviluppo del pensiero progettuale si è basata sull‘ individuazione e la valorizzazione illuminotecnica di un ideale itinerario fluviale e pedonale che toccasse gli elementi più significativi del luogo: il torrione, l’abside e il campanile del Duomo, le antiche mura , la diramazione del fiume con i suoi palazzi stile veneziano, il ramo della Pietà con il Tempietto, il palazzo Ragazzoni-Biglia dalla facciata ricca di statue e la straordinaria corte interna affacciata sul fiume.
FOTOPAESAGGIO.jpg
Il progetto ha cercato di restituire anche nelle ore notturne il rapporto unico e inscindibile che intercorre tra la città ed il suo corso d’acqua, suscitando nel frequentatore la percezione di un’area affascinante ricca di presenze architettoniche e naturali.
PAESAGGIO2.jpg
L’intervento illuminotecnico, inoltre, ha razionalizzato le fonti luminose, utilizzando con particolare attenzione la temperatura, il colore e l‘ indice di resa cromatica, occultando , altresì, gli elementi tecnici invasivi ( linee, proiettori, cassette ecc.). La garanzia di un’abile esaltazione dei colori si è ottenuta con luci appropriate e con fasci luminosi colorati senza trascurare la sicurezza che i percorsi, specie se pedonali, devono garantire. Infine il progetto ha risaltato la profondità del fiume evidenziando quella sensazione di fluidità e rapidità che il Livenza presenta nel corso del giorno. La diversità delle situazioni che caratterizzano il corso di un fiume e l’ ancor più complessa individuazione dei numerosi punti di osservazione di un elemento vivo come l’acqua hanno denotato l’estrema complessità del progetto. Nel corso dei lavori e nelle operazioni di “puntamento” il problema si è manifestato più volte: se da un certo punto di osservazione il risultato era ottimo, dall’altro si manifestavano numerosi problemi di abbagliamenti diretti o riflessi. E’ stato così necessario prevedere in fase progettuale un numero considerevole di proiettori ma di piccola potenza è soprattutto una scelta di accessori estremamente ampia, dalle tradizionali griglie di defilamento e protezione , alle griglie con lamelle regolabili, alette di defilamento regolabili e una serie di vetri satinati , diffondenti e rifrattori che potessero modificare la fotometria di ogni apparecchio.

Effetti di luce

Effetto interno/esterno : si pratica illuminando gli spazi interni visibili dall’esterno attraverso finestre, lucernari, verande e porticati; il fronte edificato viene lasciato nell’oscurità oppure rischiarato con bassi illuminamenti, mentre nelle parti interne si forniscono livelli di illuminamento superiori.

Effetto “sparkling” : si ottiene distribuendo sulle superfici ( pavimentazioni, pareti, coperture ) o nella vegetazione ( siepi, fronde e rami di alberi ) piccole fonti di luce, oppure facendo in modo che siano visibili i loro riflessi, scintillanti o sfavillanti nel buio;

Illuminazione dal basso : in presenza di siepi, arbusti ed alberi è possibile collocare gli apparecchi sul terreno, incassati o meno entro nicchie, e inviare la luce verso l’alto; questo metodo consente l’accentuazione delle luminanze del fogliame con effetti inusitati e spesso molto suggestivi, ma comporta una certa dispersione del flusso luminoso e la probabilità di creare abbagliamento agli utenti del sito e degli edifici limitrofi.

Illuminazione dall’alto : potendo collocare gli apparecchi ad una certa altezza ( su parete, su palo o su rami ) è possibile illuminare le chiome della vegetazione oppure con flussi inclinati e incrociati; consente di ottenere effetti di illuminazione lunare ( poca luce di tonalità fredda ) oppure di dare plasticità alla massa del fogliame.

Illuminazione d’accento in negativo : tecnica per mettere in rilievo l’oggetto di interesse illuminando intensamente e uniformemente un elemento piano che funge da sfondo o da fondale ( parete di edificio, muro di cinta, quinta di siepi ) in modo che vi si stagli la sagoma scura dell’oggetto stesso ( albero, arbusto, statua ).

Illuminazione in controcampo : tecnica per mettere in rilievo gli elementi vegetali illuminandone la chioma su piani opposti alla direzione di osservazione, ossia in modo che la vegetazione si trovi tra la fonte di luce e l’osservatore; la luce, filtrando attraverso il fogliame, crea una corona lucente intorno alle chioma di notevole effetto, il movimento delle foglie nella brezza rende dinamico l’effetto in controluce.

Luce tracciante . particolari utilizzazioni dei proiettori consentono di ottenere effetti ornamentali e decorativi di notevole suggestione, creando figure luminose che si sovrappongono alle texture propria delle superfici e del fogliame; è possibile ottenere curve ad ogiva, striature singole o a raggiera, piccoli e grandi aloni curviformi e sagome dalle forme disparate. Media:File.IL_BISOGNO_DI_CITTA'_Riccardo_Wallach_pag_1.jpg Media:File.IL_BISOGNO_DI_CITTA'_Riccardo_Wallach_pag_2.jpg Media:File.IL_BISOGNO_DI_CITTA'_Riccardo_Wallach_pag_3.jpg Media:File.IL_BISOGNO_DI_CITTA'_Riccardo_Wallach_pag_4.jpg

Effetti dell’illuminazione sulle pianteModifica

Nella progettazione degli impianti di illuminazione destinati a funzionare in continuazione sostituendosi ogni sera alla luce naturale occorre tenere presente una serie di effetti collaterali non indifferenti che l’ azione ininterrotta della luce produce sulla vita e sullo sviluppo del materiale vegetale impiegato. Le fonti di luce stradale , con particolare riferimento alle lampade al sodio ad alta pressione che danno una luce rosso-arancione cui le piante sono più sensibili e quelle a incandescenza, producono sugli alberi almeno tre tipi di conseguenza più evidenti: 1. Ne accelerano la crescita rendendoli più deboli all’azione degli agenti inquinanti e delle malattie e delle gelate precoci :si diradano le chiome , crescita la distanza delle foglie e aumenta di conseguenza la traspirazione a spese della produzione di clorofilla . 2. Disturbano il regolare fotoperiodo con sconvolgimento dei tempi di fioritura e dell’inizio di riposo vegetazionale che possano , soprattutto per eccesso di illuminazione autunnale , danneggiare alcune essenze meno robuste ( mortalità invernale , bruciatura delle foglie , minore fioritura ecc) come Weigela, Cornus e Rhododendron. Sono in questo senso particolarmente pericolose le lampade a fluorescenza . 3. L’asse dell’albero tende a spostarsi verso la fonte luminosa generando esemplari sbilanciati (reazione fototropica).

Una attenta progettazione di strade percorsi e di aree illuminate può minimizzare gli effetti almeno per quanto riguarda le essenze meno sensibili. Quando il fogliame interferisce con la buona distribuzione della luce e con la visibilità ottimale , le lampade sono sicuramente mal piazzate. Per le alberature stradali urbane le fronde devono comunque distare da terra un’altezza minima facilitando l’illuminazione del pavimento ed evitando quella delle fronde. Le precauzioni a livello progettuale da prendere contro tali inconvenienti possono essere: 1. selezione dei tipi di lampade da usare. Si usino lampade al sodio solo in presenza di essenze molto tolleranti . Le lampade alogene sono da preferire in aree pedonalizzate e residenziali, in parchi con densa piantagione e in zone analoghe. 2. Schermature. Lenti o setti di schermatura possono essere usati con poca spesa a dirigere i fari di luce nelle strade e sulle pavimentazioni lasciando in ombra le chiome degli alberi. 3. Selezione del materiale vegetale da impiegare. Si devono usare essenza meno sensibili alla luce. Una tabella elaborata dallo Agricultural Environmental Quality Institute dà in proposito alcune significative indicazioni. Essenze ad alta sensibilità: Acer platanoides , Betula papyrifera, Catalpa bignonioides, Platanus acerifolia, Ulmus americana, Zelcova serrata. Essenze a media sensibilità: Acer rubrum ,Cingko biloba, Glaeditsia triacanthos, Koelreuteria paniculata, Sothora japonica, Tilia cordata. Essenze a bassa sensibilità:Ilex opaca, Liquitambar styraciflua , Magnolia grandiflora , Pinus nigra, Pyrus calleryana, Quercus phellos. Si richiede inoltre un’attenta programmazione di piantagione e manutenzione. Le nuove piante dovrebbero essere poste a dimora nei mesi autunnali per permettere un ciclo di adattamento di quasi un anno prima dell’estate e dell’autunno successivi quando si verifica l' impatto massimo della luce. Per diminuire la crescita durante questo periodo e per gli anni successivi, dovrebbero essere ridotti l’irrigazione e l’apporto di concimanti e di fertilizzanti. Media:File.LIGHTING_THE_LANDSCAPE_pag_1_.jpg Media:File.LIGHTING_THE_LANDSCAPE_pag_2_.jpgMedia:File.LIGHTING_THE_LANDSCAPE_pag3_.jpg Media:File.LIGHTING_THE_LANDSCAPE_pag_4_.jpg Media:File.LIGHTING_THE_LANDSCAPE_pag_5_.jpg Media:File.LIGHTING_THE_LANDSCAPE_pag_6_.jpg Media:File.LIGHTING_THE_LANDSCAPE_pag_7_.jpg

Curiosità e novità riguardante l'illuminazioneModifica

Discrete ed autoalimentate, le foglioline Invisible Streetlight illuminano le strade con la loro luce ecologica. Sembrano delle semplici decorazioni da applicare ai rami degli alberi, ma se di giorno ci appaiono come semplici foglioline decorative, di sera manifestano tutta la loro bellezza, illuminando la notte con l’energia solare accumulata durante il giorno. Questi piccoli ed eleganti elementi di arredo urbano nascono da un’idea del design sudcoreano Jongon Lee e nel 2008 hanno anche vinto il premio International Design Excellence Award (IDEA).

Le particolarità di queste foglioline sono due. In primo luogo il supporto flessibile, che ne permette un facile fissaggio ai rami e, in secondo luogo, il particolare dispositivo per accumulare elettricità che non necessita di batteria. Questa caratteristica le rende particolarmente leggere e piccole ideali, quindi, ad essere intrecciate con i rami degli alberi.
Foglie Luminose.jpg

Si armonizzano perfettamente nell’ambiente, senza deturparlo nè inquinarlo visivamente. Le trovo piacevoli da vedere ed ornamentali. L’illuminazione non sarà da stadio olimpico, sebbene i LED utilizzati siano molto luminosi, ma il risultato è armonico, sostenibile ed assolutamente non invasivo.

Streetlight 432.jpg
Illuminazione esterna scenografica.jpg

Qui il link di un video sull'illuminazione urbana, i materiali e gli aspetti più importanti. http://www.youtube.com/watch?v=1pbHbVqjxa8&feature=PlayList&p=3EA18C2823B31B0E&index=8

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale